Crescita Digitale 2014-2020

A metà novembre l'Agenzia per l'Italia Digitale, ente strumentale della Presidenza del Consiglio rivolto alla promozione e all'accelerazione della digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e delle imprese italiane, ha pubblicato un documento programmatico che riassume le strategie chiave che verranno adottate nel prossimo lustro per accrescere il ruolo delle tecnologie nel nostro Paese, ma anche la consapevolezza nei loro confronti ed il loro impatto sull'economia locale.

Incredibilmente tra i fattore determinanti enumerati nel documento non appare sotto nessuna forma il software libero ed opensource, che invece è stato riconosciuto in altre sedi - non ultime, le Linee Guida emanate dall'Agenzia stessa nel 2013 per il riuso di software - come elemento di valenza strategica per garantire interoperabilità, indipendenza e sostenibilità degli strumenti tecnologici adottati dalle amministrazioni pubbliche.

Di seguito la risposta (disponibile anche in PDF) di Italian Linux Society alla consultazione attualmente in corso sui contenuti del suddetto piano strutturale, con alcune considerazioni di ordine generale ed alcune proposte mirate.

Il documento “Strategia per la Crescita Digitale 2014-2020” del 6 novembre 2014, condiviso per la pubblica consultazione sul sito dell'Agenzia per l'Italia Digitale, pur affrontando il tema della digitalizzazione del nostro Paese sotto numerosi ed importanti aspetti manca a nostro avviso di citare un fattore cui ampio spazio era invece stato dato da precedenti assetti strategici dello stesso tenore e che, soprattutto negli ultimi mesi, sempre più ha interessato Pubbliche Amministrazioni di ogni dimensione e grado, italiane ed europee: il software libero e opensource.

Dati i benefici (empirici e teorici, di breve e lungo periodo, tecnici e monetari) portati sia all'amministrazione che al sistema economico dall'adozione di tale modello di sviluppo e condivisione – certamente già noti ad AgID – sorprende constatare che tale princìpio non sia affatto contemplato in un documento le cui premesse ed i cui obiettivi sono i medesimi che da sempre vengono associati ad esso.
Come può crescere l'economia locale del Paese se i fondi da destinare al settore vengono spesi per acquistare prodotti esteri, o il cui costo di licenza è spesso reiterato nel tempo senza dare alcun valore aggiunto? Come possono crescere le competenze se Ricerca & Sviluppo sono sistematicamente delegate ad un pugno di società fondate sul monopolio, il lock-in e la segretezza? Come è possibile intervenire in modo rapido ed efficiente sull'interoperabilità delle procedure e delle informazioni tra diverse amministrazioni se algoritmi e formati non sono immediatamente accessibili e condivisi da parte di chi vuole implementarli ed integrarli in nuove ed innovative soluzioni?

Per questi e per altri motivi, chiediamo che all'interno del documento programmatico in oggetto:

  • vengano esplicitati l'impiego di licenze libere e l'adesione al modello di sviluppo opensource come requisiti per il software sviluppato ed adottato nel contesto del piano strategico sotto la supervisione e con il contributo di AgID
  • la base applicativa dell'Anagrafe della Popolazione Residente, ed i relativi protocolli e componenti, siano pubblicati con una licenza libera e aperta, per permettere l'integrazione con altri applicativi paralleli e complementari vitali per il funzionamento delle amministrazioni locali
  • le risorse destinate alla formazione sulle competenze digitali siano espressamente in favore non di specifici prodotti di specifici vendor ma di soluzioni libere, aperte, pubbliche e riusabili
  • venga inclusa tra i parametri di monitoraggio la ricaduta sul territorio delle spese fatte in campo ICT da parte delle amministrazioni: i soldi spesi in licenze di applicazioni prodotte e vendute da soggetti esteri rappresentano una perdita secca nella bilancia economica, e di nessun vantaggio per la comunità locale

In questo quadro di riferimento, e data la necessità evidente di una radicale accelerazione in tema di digitalizzazione dell'amministrazione, invitiamo l'Agenzia per l'Italia Digitale a valutare anche la possibilità (e l'opportunità) di dedicare parte della propria dotazione finanziaria all'implementazione di uno stack applicativo completo orientato ai piccoli e medi comuni, da sviluppare secondo i canoni del modello opensource e da rilasciare in licenza libera, da mettere a disposizione degli enti stessi e degli operatori di mercato a loro supporto. Uno strumento di tal fatta rappresenterebbe un veloce, efficiente e vantaggioso canale per esporre ai soggetti più modesti – e dunque individualmente con minori risorse economiche, tecniche ed umane – tutte le funzioni auspicate oggi nella Strategia, già integrate con i protocolli e le interfacce previste e promosse da AgID, da far successivamente evolvere in maniera controllata eppur coordinata; esso sarebbe il “sistema operativo” della PA in Italia.

La Crescita Digitale deve necessariamente passare per una evoluzione di carattere culturale, per cui la soluzione tecnica e tecnologica non sia vista come un prodotto ma come una risorsa. Da condividere, integrare, espandere e migliorare. Non un traguardo fine a sé stesso, ma una base su cui costruire.

Tags: 

Pillole di WiiLDOS

La mailing list "wii libera la lavagna" è la più importante community italiana di discussione sul tema del software libero a scuola, ma non solo: sulla lista transitano quotidianamente segnalazioni di risorse didattiche liberamente fruibili online, annunci di applicazioni libere, notizie di attualità, richieste di supporto tecnico, commenti ed opinioni. Certamente il luogo (virtuale) ideale dove reperire competenze specifiche sull'argomento, ed incontrare tante persone appassionate ed interessanti.

La sua unica debolezza è proprio il suo stesso successo: seguire le decine di mail che ogni giorno vengono inviate al gruppo non è sempre semplice, soprattutto per chi è meno avvezzo alla mailing list - da sempre, canale preferenziale di pressoché ogni comunità opensource - come strumento di scambio e condivisione. Con l'intento di rendere più morbido l'impatto con questa dinamica e vivace realtà da oggi Italian Linux Society introduce nella sua newsletter mensile la rubrica "Pillole di WiiLDOS", con un riassunto dei messaggi più rilevanti ed interessanti passati nei precedenti 30 giorni: un modo per dare risalto e visibilità alle questioni di maggiore impatto, esponendole agli oltre 2700 iscritti alla newsletter ILS, pur evitando di dover leggere e filtrare centinaia di messaggi.

Chiaramente consigliamo comunque a tutti di iscriversi alla mailing list "wii libera la lavagna", per poter partecipare attivamente, poter a propria volta segnalare contenuti interessanti o chiedere supporto, e non perdere nessuna delle discussioni di passaggio.

E' possibile iscriversi alla newsletter mensile (e contestualmente agli annunci degli eventi territoriali) su questa pagina.

La Libera Scuola: Atto Secondo

Si è conclusa sabato la consultazione pubblica "La Buona Scuola", indetta dal Ministero dell'Istruzione per raccogliere spunti e proposte per migliorare e rinnovare il sistema scolastico italiano. Cui Italian Linux Society (col sostegno di Wikimedia Italia) ha risposto con "La Libera Scuola": cinque proposte semplici ed immediatamente attuabili per favorire e supportare la diffusione del software e dei contenuti liberi in un contesto sensibile come la scuola.

Le proposte hanno ricevuto un gran numero di voti e commenti, primeggiando nelle rispettive categorie, e più in generale non sono mancati riferimenti al software libero e aperto anche in altri propositi pubblicati sul portale. E' evidente un diffuso interesse ed una generale attenzione sul tema, che devono però ora trovare un riscontro pratico e tangibile.

Pertanto abbiamo oggi spedito due mail agli indirizzi di riferimento per le categorie "Meno costi per le famiglie" e "Programma Digital Makers" di "La Buona Scuola", in cui si trovano le due proposte che hanno destato maggiori reazioni (rispettivamente quella sulla validazione dei libri distribuiti con licenza libera e quella sul catalogo di applicazioni libere certificate dal Ministero), per richiedere e sollecitare un intervento operativo su questi due fronti.

Di seguito i testi delle due lettere inviate, cui speriamo di ricevere presto risposta (e sulle quali continamo di tornare ad aggiornarvi presto).

Buongiorno,
scrivo per conto di Italian Linux Society, l'associazione promotrice de "La Libera Scuola" ( http://laliberascuola.it/ ), campagna parallela a "La Buona Scuola" con la quale abbiamo avanzato e sostenuto cinque proposte in favore del software e dei contenuti liberi presso la popolare consultazione che si è chiusa sabato.

Siamo lieti di constatare come alcune di queste abbiano avuto un discreto riscontro, ed in particolare quella dedicata alla pubblicazione di un catalogo di applicativi liberi e opensource specifici per la didattica "promossi" direttamente dal Ministero per l'Istruzione.
https://labuonascuola.gov.it/area/m/1779/
Lo scopo di questa iniziativa sarebbe fornire un semplice ed immediato elenco di possibilità, selezionate tra quelle più utili e diffuse, che invoglino i docenti nostrani ad adottare o quantomeno provare applicazioni software libere (e dunque analizzabili a fini didattici, legalmente ridistribuibili agli studenti per l'utilizzo domestico, e sicure dal punto di vista della tutela delle informazioni) per lo svolgimento delle loro attività.

Certo esistono già diversi "cataloghi" reperibili online e pubblicati da enti più o meno istituzionali, ma un riconoscimento diretto ed esplicito del Ministero nei confronti di un insieme mirato di applicativi sarebbe di grande aiuto per la popolosa comunità italiana a supporto al software libero, che ogni giorno opera con accrescere la consapevolezza sulla tecnologia e non di rado già oggi aiuta materialmente molte scuole per l'allestimento e la manutenzione di laboratori informatici didattici, in quanto rappresenterebbe un utilissimo strumento per favorire ed accelerare tale vitale processo.

Siamo naturalmente a disposizione per collaborare su tale progetto, magari anche coinvolgendo la comunità WiiLDOS (la più grande ed attiva sul tema del software libero nella scuola, composta da centinaia di insegnanti e tecnici sensibili all'argomento) per stendere una prima bozza da portare alla vostra attenzione e valutare insieme.

Grazie per l'attenzione, la collaborazione e l'opportunità di poter contribuire a migliorare il nostro sistema scolastico.

Buongiorno,
scrivo per conto di Italian Linux Society, l'associazione promotrice de "La Libera Scuola" ( http://laliberascuola.it/ ), campagna parallela a "La Buona Scuola" con la quale abbiamo avanzato e sostenuto cinque proposte in favore del software e dei contenuti liberi presso la popolare consultazione che si è chiusa sabato.

Siamo lieti di constatare come alcune di queste abbiano avuto un discreto riscontro, ed in particolare quella dedicata alla promozione dei libri di testo distribuiti in licenza libera.
https://labuonascuola.gov.it/area/m/1778/
L'intento di questa proposta sarebbe quello di far emergere le numerose possibilità offerte dal patrimonio comune liberamente reperibile sul web, collaborativamente redatto e revisionato, già predisposto per l'utilizzo scolastico, da ciascuno acquisibile, modificabile nel formato e nei contenuti, fruibile in formato digitale o stampabile in proprio a costi contenuti.

Purtroppo spesso tali risorse sono ignorate o peggio ancora ostacolate - per evidenti conflitti di interesse col mondo dell'editoria classica... - pur rappresentando una grande opportunità sia culturale che economica, ma certo la pubblicazione di una oggettiva e scientifica revisione da parte del Ministero per l'Istruzione di alcuni di questi libri permetterebbe una seria valutazione di tali opere e ne faciliterebbe la loro diffusione, con beneficio di tutti (in primis delle famiglie).

Saremmo contenti di potervi inviare un paio di copie di Matematica C3 Algebra 1 Quinta Edizione, probabilmente uno dei più noti e popolari libri di testo in licenza libera ad oggi disponibili: recentemente ne abbiamo stampate alcune copie, appunto da far circolare a scopo dimostrativo, ogni volume è costato circa 9 euro IVA e spedizione incluse (ma chiunque può rivolgersi presso la stamperia che preferisce, il materiale è scaricabile gratuitamente e senza limitazioni da Internet) e appunto ciascun insegnante può liberamente scegliere quali parti stampare o magari fascicolarlo per renderlo più maneggevole.

Grazie per l'attenzione, la collaborazione e l'opportunità di poter contribuire a migliorare il nostro sistema scolastico.

Grazie a tutti coloro che hanno sostenuto le proposte de "La Libera Scuola", contribuendo a dar loro forza e diffusione!

Didattica Aperta 2014

Il 29 novembre, presso il Dipartimento di Informatica dell'Università di Torino, si terrà l'edizione 2014 di Didattica Aperta, annuale convegno itinerante sullo stato dell'arte del software libero nella scuola.

Immancabile uno spazio dedicato alla comunità WiiLDOS, la più grande ed attiva in Italia su questo tema, ma quest'anno in programma si trovano anche riferimenti a CoderDojo (il gruppo internazionale che organizza workshop di programmazione di base per bambini) ed al Movimento Maker, che lentamente ma inarrestabilmente sta invadendo il mondo della didattica con stampanti 3D ed elettronica opensource.

Un breve intervento sarà rivolto anche a "La Libera Scuola", la risposta di Italian Linux Society all'appello del Ministero per l'Istruzione per raccogliere spunti e considerazioni sulla scuola italiana, ed al ruolo che la community linuxara nel suo insieme ha sull'innovazione nella didattica.

Sono invitati a partecipare in primis gli insegnanti che vorrebbero saperne di più sulle opportunità del software libero a scuola, ma anche studenti e genitori che vorrebbero contribuire a sostenere questa scelta.

Occhio alla Compatibilità!

Quando si acquista un nuovo computer con l'intenzione di usare Linux, oltre a eventualmente prepararsi a chiedere il rimborso delle licenze di software pre-installato ed indesiderato è comunque consigliato documentarsi preventivamente sulla compatibilità dell'hardware. A tutt'oggi, infatti, purtroppo non tutti i componenti e le periferiche godono di pieno supporto tramite drivers completamente liberi e opensource, per via delle resistenze dei produttori a rilasciare codice aperto (o anche solo documentazione dettagliata) per il funzionamento dei loro dispositivi.

Con l'obiettivo di facilitare questa fase è stata pubblicata una nuova sezione su LinuxSi, storico e popolare sito (da qualche tempo curato direttamente da Italian Linux Society) dedicato appunto a chi vuole un nuovo PC con Linux e cerca riferimenti e contatti: nella pagina "Produttori" è da oggi disponibile una panoramica dei più comuni e noti marchi di personal computer e notebook, classificati secondo la compatibilità dei rispettivi prodotti con Linux e disposti su una scala di immediata lettura.

Tale misura di compatibilità viene valutata su dati statistici, a partire dalle recensioni raccolte sull'utilissimo "h-node" (cui vi invitiamo a partecipare!), e benché certo non rappresenti un parametro preciso ed infallibile permette comunque di avere una idea dei migliori (o peggiori) produttori presso cui rivolgersi per l'acquisto di un computer che sia quanto più possibile utilizzabile fin da subito ed al pieno delle potenzialità con Linux.

Speriamo che questo nuovo strumento di analisi e comparazione possa aiutare qualcuno ad avere meno grattacapi con il suo prossimo nuovo computer. Acquistate consapevolmente!

Pagine

Subscribe to Italian Linux Society RSS