Diritto al Rimborso

La notizia della sentenza della Cassazione secondo cui i consumatori hanno diritto al rimborso delle licenze Windows acquistate in modo coatto insieme ai nuovi computer ha avuto ampia risonanza su tutti i media, non solo quelli dedicati al settore informatico. Ma è adesso ora di pretendere che tale diritto sia fatto rispettare da parte dei produttori, che devono garantire chiare procedure di richiesta, modalità non inutilmente complesse, e compensi equi ed allineati al mercato.

E' per questo che oggi l'Associazione per i Diritti degli Utenti e dei Consumatori, insieme a Free Software Fondation Europe e Italian Linux Society, ha presentato all'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (AGCM) una esplicita richiesta ad intervenire nei confronti del reiterato ostruzionismo deliberatamente operato dai produttori, che mai si sono premurati di informare, assistere ed assecondare i consumatori nell'esercizio della legittima pratica.

Per l'occasione Italian Linux Society ha pubblicato la campagna divulgativa "Fatti Rimborsare il Sistema (in)Operativo!", da condividere e propagare ad amici e conoscenti, mirata a sollecitare i produttori ad esprimersi in modo chiaro sulla questione. Perché una volta sancito il diritto al rimborso è ora indispensabile renderlo attuabile per davvero: un diritto nascosto e osteggiato di fatto non esiste.

Grazie ad ADUC per l'opera sinora svolta a tutela della libertà di tutti!

La Libera Scuola

Nelle scorse settimane il Governo ha lanciato l'iniziativa "La Buona Scuola", consultazione pubblica destinata a raccogliere spunti ed idee per migliorare il funzionamento ed i contenuti della scuola in Italia. Italian Linux Society risponde a modo suo all'appello, approfittando dell'occasione per mettere nuovamente in evidenza l'esigenza di fornire alla didattica strumenti moderni ed efficaci pur tutelando la liberta' e la privacy di studenti ed insegnanti, l'autonomia delle istituzioni scolastiche, e anche le piu' che mai tormentate finanze.

Nasce "La Libera Scuola", iniziativa con cui intendiamo consigliare alcune soluzioni, software e non, esistenti e di alta qualita', ma soprattutto avanzare le nostre proposte e le nostre richieste al Ministero per l'Istruzione. Pochi e semplici spunti mirati a facilitare - o quantomeno non discriminare - l'utilizzo di software libero, e ad adottare un modello collaborativo e partecipato all'interno dell'intero sistema educativo (che coinvolga anche l'universita').

Dopo le ammissioni in merito all'infausta scelta delle Lavagne Interattive Multimediali, e premessi i nuovi propositi relativi all'insegnamento delle basi di informatica ai ragazzi (dunque: non l'uso passivo di Word ed Excel, ma gli algoritmi e la programmazione), speriamo che il Governo non perda nuovamente l'opportunita' di ascoltare e coinvolgere direttamente gli esperti del settore, coloro che da anni gia' percorrono la strada della consapevolezza tecnologica sui banchi di scuola.

Il Catalogo dei Libri Liberi

Disponibile online la nuova edizione del "Catalogo libri di testo e manualistica liberamente disponibili in rete", ricco indice di testi di carattere didattico ed in lingua italiana rilasciati in licenza libera.

Il catalogo, periodicamente aggiornato con le ultime novità del settore, è diviso per materie ed offre svariati spunti dedicati alle scuole: i volumi classificati sono gratuitamente fruibili in formato digitale (e dunque eventualmente stampabili a basso costo presso una qualsiasi tipografia locale) e, essendo distribuiti con licenza aperta, permettono ai docenti che li volessero adottare in classe di modificarli, estrarne porzioni più o meno grandi, ed insomma adattarli al proprio personale programma, per l'intera durata del corso o per una singola lezione. Nel primo paragrafo sono inoltre indicate diverse altre fonti di contenuti - rigorosamente liberi - utili all'insegnamento.

Invitiamo tutti, e soprattutto insegnanti, genitori e studenti, a consultare l'indice alla ricerca di materiali che possano essere utilizzati in aula o, più semplicemente, letti per propria cultura personale. Perché la libera conoscenza è e deve essere alla portata di tutti, ragazzi ed adulti.

Il file può essere scaricato dal sito di Creative Commons Italia (più precisamente qui).

Libero Software in Libero Stato

Una pioggia di annunci relativi al software libero nella Pubblica Amministrazione italiana è apparsa nelle ultime settimane sui media locali e nazionali: dalle linee di indirizzo politico espresse dal Consiglio della Regione Lombardia alla migrazione ad applicativi open nella città di Trieste, fino alle complete transizioni al desktop Linux in Provincia di Viterbo e a Torino. Notizie certo incoraggianti, che rispecchiano una tendenza diffusa ed in progressiva crescita da sostenere e supportare.

Ci auguriamo che i vari enti che si sono orientati sinora in tal senso - o che stanno per farlo - sappiano trarre beneficio non solo dagli strumenti ma anche dai metodi proprio del modello opensource. In primis facendo rete con coloro che hanno già intrapreso la medesima strada, e non ignorando i pregressi analoghi progetti e le relative esperienze accumulate, positive e negative, che tutte insieme forniscono buone pratiche, spunti e percorsi da imitare e raffinare. La documentazione non manca, i reciproci contatti neppure, e la community locale - che si concretizza in decine di gruppi disseminati su tutto il territorio - può essere di aiuto per ricevere assistenza in tal frangente.

A tal proposito invitiamo i LUG ed i gruppi di interesse sul tema del software libero ad essere proattivi nei confronti delle proprie istituzioni, non esitando a reagire a questi ed i prossimi annunci andando incontro ai rispettivi rappresentanti politici ed ai funzionari tecnici e offrendo il proprio sostegno in termini di consulenza amichevole e azioni informative presso dipendenti e cittadini.

L'Indice delle Imprese "Libere"

Da pochi giorni Linux Professional Institute, uno dei principali punti di riferimento nel mondo del software libero applicato all'impresa, ha avviato una importante campagna di "indicizzazione" delle aziende dedite a fornire servizi, formazione e consulenza su Linux e su soluzioni open, con l'obiettivo di rendere più facile ed agevole il contatto tra la domanda di chi ha intenzione di avvalersi degli innumerevoli vantaggi del software e codice aperto (trasparenza, interoperabilità, alti margini di personalizzazione ed assenza di logiche di lock-in sugli applicativi usati) e l'offerta degli esperti del settore.

L'iniziativa è stata lanciata in un momento storico di particolare interesse, in cui un numero sempre maggiore di realtà (sia pubbliche che private, anche di grandi dimensioni) hanno compiuto o stanno per compiere il passaggio - tecnologico, ma anche culturale ed operativo - al software libero, ma non sempre riescono ad individuare chi possa fornire l'assistenza necessaria per compiere migrazioni su ampia scala. I contenuti del nuovo indice saranno verificati e valutati dal team di Linux Professional Institute, al fine di garantire una elevata qualità tecnica degli enti referenziati ed una reale adesione degli stessi ai principi etici del movimento freesoftware.

Ci auguriamo che la campagna possa avere un ampio riscontro, e fornire una ulteriore accelerazione a Linux ed al software "free libre open source" nel nostro Paese.

Pagine

Subscribe to Italian Linux Society RSS