Distribuzioni Geografiche

Sono stati pubblicati sulla LugMap un paio di grafici, destinati a mettere in evidenza la distribuzione geografica dei Linux Users Groups e degli appassionati all'argomento nel nostro Paese (estrapolando quest'ultima informazione dagli iscritti alla newsletter ILS che hanno specificato la propria provincia di interesse). Queste mappe risultano essere, oltre che curiose da vedere, anche utili per individuare le zone in cui una maggiore presenza di promozione e sostegno "linuxaro" sarebbe più utile ed efficace.

Tra le provincie col peggior rapporto numero di persone / numero di LUG (ovvero: dove il numero di interessati è molto più grande del numero di gruppi di interesse) troviamo Palermo, Roma, Modena, Cagliari e Bologna. E tra quelle con un elevato numero di curiosi ma senza nessun LUG è impossibile non citare Barletta, Frosinone, Cuneo, Campobasso ed Enna. Queste aree si presentano come terreni fertili per la nascita di nuovi gruppi di promozione, specialmente nei centri di provincia più distanti dai rispettivi capoluoghi, che sappiano coinvolgere in primis coloro che già sono sul territorio e conoscono il tema, svolgere attività più o meno periodiche, entrare nelle scuole e negli uffici pubblici, e promuovere il software libero in tutte le forme e su tutti i canali.

A coloro che vogliano cimentarsi con la costituzione di un nuovo LUG consigliamo di sfogliare il "Manuale Operativo per la Community", e ricordiamo il LUG Radar e l'opportunità di avere supporto istituzionale da ILS.

Diritto al Rimborso: Interpellati i Produttori

La campagna divulgativa sul rimborso delle licenze Windows sui PC di nuovo acquisto, lanciata per accompagnare la lettera firmata insieme all'Associazione Diritti Utenti e Consumatori e Free Software Foundation Europe e destinata all'Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato, ha avuto un discreto successo ed ha permesso di informare molti sul diritto sancito in settembre dalla Corte di Cassazione. Ma come anticipato c'è ancora molto da fare prima che tale diritto sia reso effettivo, ed i primi a dover essere coinvolti sono i produttori che tale rimborso lo devono all'atto pratico garantire ed erogare.

Abbiamo pertanto stamane inviato una lettera a quattro dei maggiori distributori di computer in Italia, con l'intento di sollecitare loro una dichiarazione ed una esplicita posizione sulla vicenda. In modo da poter informare il pubblico sulle loro intenzioni, e permettere a tutti di regolarsi di conseguenza quando sarà il momento di acquistare un nuovo PC.

La lettera è pubblicata sul sito della campagna, su cui verranno esposte anche le risposte ricevute (o verrà evidenziata la mancanza di una risposta...). Vi raccomandiamo di continuare a condividere e diramare l'appello sui social network, e a segnalare ad AGCM eventuali problemi riscontrati durante l'esercizio del proprio diritto.

Il Nuovo Planet LUG

Da tempo immemore Italian Linux Society ospita un "planet", un aggregatore delle news provenienti dai siti dei Linux Users Groups italiani. Oggi ne è stato pubblicato un restyle, rinnovato nella grafica - resa coerente con gli altri siti del network ILS - ma soprattutto nel meccanismo di aggiornamento, che lo rende connesso ai contenuti della LugMap e dunque sempre autonomamente allineato per riflettere lo stato attuale della rete dei gruppi di supporto linuxaro.

Tra le altre cose, da questo costante flusso di news vengono estrapolate le segnalazioni degli eventi che finiscono poi nel Calendario Eventi (e conseguentemente notificati agli iscritti alla newsletter).

Per fruire del nuovo Planet LUG è possibile consultare la homepage, o sottoscrivere il feed Atom con il proprio reader preferito. Per gli entusiasti di Twitter, inoltre, ricordiamo la lista "News dai LUG", che raccoglie tutti gli account di microblogging dei LUG italici.

Un modo alternativo per essere sempre informati di quel che accade nella nostra comunità!

Tags: 

Report: Linux Day 2014

Sabato 25 ottobre 2014 si è svolta la quattordicesima edizione del Linux Day, la principale manifestazione italiana sul software libero. E negli scorsi mesi sono stati erogati due distinti questionari, uno agli organizzatori delle quasi 100 istanze locali dell'iniziativa ed uno a coloro che vi hanno partecipato in veste di visitatori, con lo scopo di analizzare e misurare l'impatto che anche quest'anno l'evento ha avuto.

Pubblichiamo oggi i risultati raccolti, miscelati nel Rapporto Linux Day 2014, che presenta entrambi i punti di vista per una visione di insieme completa. Nel bene e nel male, e con qualche considerazione finale sul futuro dell'iniziativa.

Approfittiamo per ricordare che il prossimo Linux Day si svolgerà sabato 24 ottobre 2015, come sempre in tutta Italia. Per aggiornamenti è possibile seguire il sito web dedicato, l'account Twitter, la pagina Facebook, la pagina Google+, o la mailing list di coordinamento.

Uno per Tutti

In Italia, contrariamente a molti altri Paesi, ci sono dozzine di gruppi locali di promozione a Linux ed al software libero che conducono le attività più disparate: corsi, sportelli periodici di assistenza, il Linux Day e diversi altri tipi di incontri e iniziative.

Non tutti sono costituiti in associazioni, e spesso - soprattutto tra i più giovani - si preferisce un approccio informale: un gruppo di persone, una mailing list, e chi vuole può partecipare anche solo occasionalmente. Tale assetto, assolutamente lecito e legittimo ed anzi consigliabile appunto a chi sta avviando un nuovo LUG e non vuole barcamenarsi tra gli adempimenti burocratici di una associazione propriamente detta, presenta un unico grosso limite: non esistendo un soggetto giuridico di riferimento è più difficile avere rapporti col proprio Comune e con altri enti, sia statali che di altro genere.

Ed è qui che interviene Italian Linux Society, nella sua perenne missione di dare supporto alle realtà che agiscono sul territorio in nome del software libero. Laddove esista un gruppo informale che voglia relazionarsi con le proprie istituzioni locali, magari per chiedere un patrocinio, o degli spazi, o per partecipare ad un progetto cittadino strutturato, ILS si offre come soggetto di riferimento cui intestare procedimenti, carte, moduli, ed insomma cui delegare le incombenze amministrative formali. In questo modo sarà possibile avere una realtà giuridica di appoggio, e di fatto agire con i mezzi e l'autorità di una associazione a pieno titolo pur non dovendo assumerne direttamente gli oneri.

Per accedere a tale opportunità è richiesto che almeno un membro del gruppo sia iscritto ad Italian Linux Society, affinché ne sia portavoce e referente locale, e sottoporre le proprie richieste al Consiglio Direttivo (all'indirizzo ils-cd@linux.it). Per i gruppi che invece già sono costituiti in associazione, ricordiamo la possibilità di aderire alla crescente rete ILS semplicemente sottoponendo richiesta di iscrizione all'indirizzo direttore@linux.it.

Pagine

Subscribe to Italian Linux Society RSS