scuola

Didattica Aperta 2014

Il 29 novembre, presso il Dipartimento di Informatica dell'Università di Torino, si terrà l'edizione 2014 di Didattica Aperta, annuale convegno itinerante sullo stato dell'arte del software libero nella scuola.

Immancabile uno spazio dedicato alla comunità WiiLDOS, la più grande ed attiva in Italia su questo tema, ma quest'anno in programma si trovano anche riferimenti a CoderDojo (il gruppo internazionale che organizza workshop di programmazione di base per bambini) ed al Movimento Maker, che lentamente ma inarrestabilmente sta invadendo il mondo della didattica con stampanti 3D ed elettronica opensource.

Un breve intervento sarà rivolto anche a "La Libera Scuola", la risposta di Italian Linux Society all'appello del Ministero per l'Istruzione per raccogliere spunti e considerazioni sulla scuola italiana, ed al ruolo che la community linuxara nel suo insieme ha sull'innovazione nella didattica.

Sono invitati a partecipare in primis gli insegnanti che vorrebbero saperne di più sulle opportunità del software libero a scuola, ma anche studenti e genitori che vorrebbero contribuire a sostenere questa scelta.

La Libera Scuola: Aggiornamento

Matematica C3 Algebra 1

Un mese fa è stata annunciata "La Libera Scuola", iniziativa di risposta alla quasi-omonima consultazione pubblica indetta dal Ministero dell'Istruzione per raccogliere proposte e spunti per migliorare e perfezionare il sistema didattico del nostro Paese.

Sui social network la campagna sembra aver avuto un discreto successo e a decine sono stati i "tweets" destinati al Presidente del Consiglio Matteo Renzi ed alla Ministra Stefania Giannini, al punto da sorprendere anche il team che segue appunto la community Twitter del MIUR. D'altra parte le nostre cinque proposte, riportate nel portale de "La Buona Scuola" (uno, due, tre, quattro e cinque), hanno ricevuto un gran numero di preferenze e risultano tra le più votate nelle rispettive categorie.

Nel frattempo Wikimedia Italia - referente per l'edizione italiana di Wikipedia, utilissima risorsa enumerata tra le principali su cui è possibile costruire una scuola libera - ha espresso vicinanza e sostegno all'iniziativa, estendendo la portata ed il peso della campagna di sensibilizzazione, e ci sono state recapitate 50 copie stampate di Matematica C3 Algebra 1, il primo (e forse il più conosciuto) volume della collana C3, costituita da libri per la didattica disponibili in licenza Creative Commons e dunque scaricabili gratuitamente, stampabili a basso costo, modificabili e personalizzabili secondo le esigenze del caso. Queste copie sono destinate a coloro che vogliono presentarle, materialmente e concretamente, presso gli uffici scolastici locali o gli assessorati comunali o regionali; la prima è stata portata al tavolo della Commissione "Scuola Digitale" del Comune di Torino, suscitando grande interesse e curiosità da parte dei dirigenti presenti. Chi fosse interessato a riceverne una gratuitamente può candidarsi scrivendo all'indirizzo direttore@linux.it.

Ringraziamo tutti coloro che hanno sostenuto l'iniziativa sinora, e vi invitiamo a continuare a farlo: la consultazione "La Buona Scuola" si chiude il 15 novembre, e fino ad allora è necessario ribadire l'importanza (tecnica, strategica, didattica ed economica) del software e dei contenuti liberi nella scuola.

La Libera Scuola

Nelle scorse settimane il Governo ha lanciato l'iniziativa "La Buona Scuola", consultazione pubblica destinata a raccogliere spunti ed idee per migliorare il funzionamento ed i contenuti della scuola in Italia. Italian Linux Society risponde a modo suo all'appello, approfittando dell'occasione per mettere nuovamente in evidenza l'esigenza di fornire alla didattica strumenti moderni ed efficaci pur tutelando la liberta' e la privacy di studenti ed insegnanti, l'autonomia delle istituzioni scolastiche, e anche le piu' che mai tormentate finanze.

Nasce "La Libera Scuola", iniziativa con cui intendiamo consigliare alcune soluzioni, software e non, esistenti e di alta qualita', ma soprattutto avanzare le nostre proposte e le nostre richieste al Ministero per l'Istruzione. Pochi e semplici spunti mirati a facilitare - o quantomeno non discriminare - l'utilizzo di software libero, e ad adottare un modello collaborativo e partecipato all'interno dell'intero sistema educativo (che coinvolga anche l'universita').

Dopo le ammissioni in merito all'infausta scelta delle Lavagne Interattive Multimediali, e premessi i nuovi propositi relativi all'insegnamento delle basi di informatica ai ragazzi (dunque: non l'uso passivo di Word ed Excel, ma gli algoritmi e la programmazione), speriamo che il Governo non perda nuovamente l'opportunita' di ascoltare e coinvolgere direttamente gli esperti del settore, coloro che da anni gia' percorrono la strada della consapevolezza tecnologica sui banchi di scuola.

Il Catalogo dei Libri Liberi

Disponibile online la nuova edizione del "Catalogo libri di testo e manualistica liberamente disponibili in rete", ricco indice di testi di carattere didattico ed in lingua italiana rilasciati in licenza libera.

Il catalogo, periodicamente aggiornato con le ultime novità del settore, è diviso per materie ed offre svariati spunti dedicati alle scuole: i volumi classificati sono gratuitamente fruibili in formato digitale (e dunque eventualmente stampabili a basso costo presso una qualsiasi tipografia locale) e, essendo distribuiti con licenza aperta, permettono ai docenti che li volessero adottare in classe di modificarli, estrarne porzioni più o meno grandi, ed insomma adattarli al proprio personale programma, per l'intera durata del corso o per una singola lezione. Nel primo paragrafo sono inoltre indicate diverse altre fonti di contenuti - rigorosamente liberi - utili all'insegnamento.

Invitiamo tutti, e soprattutto insegnanti, genitori e studenti, a consultare l'indice alla ricerca di materiali che possano essere utilizzati in aula o, più semplicemente, letti per propria cultura personale. Perché la libera conoscenza è e deve essere alla portata di tutti, ragazzi ed adulti.

Il file può essere scaricato dal sito di Creative Commons Italia (più precisamente qui).

Un Ostacolo in Meno per Linux a Scuola

Un piccolo, grande aggiornamento per quanto riguarda l'uso di software libero a scuola.

Da alcuni anni agli studenti delle scuole italiane vengono somministrati questionari volti a valutare la qualita' e l'efficacia della didattica negli istituti, su iniziativa del Ministero per l'Istruzione e su supervisione dell'Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo (INVALSI). Purtroppo pero' l'unico modo con cui ogni scuola poteva trasmettere all'ente gli esiti delle prove e' sinora stato un documento fruibile esclusivamente con il programma Microsoft Excel, pesantemente manipolato con funzionalita' non interoperabili con applicativi analoghi quali LibreOffice o OpenOffice, e dunque impossibile da utilizzare su piattaforme operative diverse da Microsoft Windows.
In passato cio' ha provocato gravi situazioni di imbarazzo e difficolta' a coloro che, con impegno e dedizione, spesso usando il proprio tempo libero e la propria pazienza, sono riusciti ad introdurre alternative libere (nonche' gratuite e legalmente ridistribuibili agli studenti a costo zero) nei rispettivi istituti scolastici, i quali si sono trovati impossibilitati a svolgere una operazione richiesta dall'organismo centrale.

Ma oggi, grazie a numerose richieste ed a numerosi solleciti - generati soprattutto dal sempre attivissimo gruppo del progetto WiiLD, primo promotore del software libero nella scuola nostrana - INVALSI ha iniziato a distribuire una applicazione ad-hoc, cross-platform, che permette a tutti di dialogare digitalmente con l'ente per la raccolta delle informazioni. Un dettaglio di grande valore, destinato a rendere piu' facile l'adozione di soluzioni informatiche alternative e svincolate dal circolo vizioso del monopolio "de facto" che vige in tanti ambiti, non ultimo quello della scuola, pesando sui bilanci e sull'autonomia che dovrebbe essere garantita al delicato settore dell'istruzione.
Tutti coloro che operano o forniscono assistenza tecnica all'interno di una scuola sono invitati a prendere parte alla sperimentazione del nuovo programma, inviando una mail di richiesta informazioni a prove2014@invalsi.it.

Un pezzetto alla volta, auspichiamo in una scuola sempre piu' aperta, libera, partecipata e consapevole, anche in campo tecnologico.

Pagine

Subscribe to RSS - scuola